This website uses cookies. By using the site you are agreeing to our Privacy Policy.

Italia

Gestione delle dose in Radiologia

L'esperienza dell'Azienda Ospedaliero Universitaria Pisana

15.05.2014
L'Azienda Ospedaliero Universitaria Pisana è composta da due presidi, gli storici e centrali Ospedali Riuniti di Santa Chiara e il moderno e decentrato Ospedale di Cisanello.
Il Dipartimento è costituito da sei reparti di radiodiagnostica (tre generici, uno di emergenza urgenza e due specializzati rispettivamente nelle patologie neurologiche e mammarie) ed è dotato del sistema Synapse PACS fornito da Fujifilm. Il monitoraggio informatico della dose Il monitoraggio della dose radiante è un’attività sempre più importante, nell’ottica del miglioramento della qualità del servizio fornito ai pazienti. Questa attività, infatti, se svolta in modo costante può consentire di controllare le performance, di ottimizzare i protocolli e di ridurre procedure scorrette. Il controllo sistematico della dose è reso indifferibile dagli imminenti cambiamenti normativi (in particolare il recepimento della direttiva
Euratom 2013/59) volti a garantire trasparenza e tracciabilità dei livelli di dose erogata.
La direttiva è stata pubblicata nel mese di Gennaio 2014 e stabilisce norme fondamentali di sicurezza relative alla protezione contro i pericoli derivanti dall'esposizione alle radiazioni ionizzanti. Il software Total Quality Monitoring di Qaelum Fino a poco tempo fa, i dati dosimetrici erano analizzabili solo a seguito di un lungo lavoro manuale di recupero degli stessi, con grande dispendio di risorse e con il rischio di errori di copiatura. Inoltre la raccolta manuale dei dati, proprio per la sua onerosità non si presta a controlli sistematici su grandi campioni. Il sistema Total Quality Monitoring
di Qaelum (TQM), installato presso l'Azienda Ospedaliero Universitaria Pisana nel mese di Giugno del 2013, permette invece di acquisire e analizzare in automatico i dati dosimetrici e i parametri tecnici. Le statistiche e le analisi possibili TQM può mostrare la storia radiologica e dosimetrica dei pazienti. Questo strumento permette di coadiuvare il medico radiologo nella valutazione della reale necessità di una indagine, soprattutto in quei casi di follow-up o di controllo degli esiti che spesso richiedono numerosi esami ripetuti (a volte erroneamente) a breve distanza l’uno dall’altro. Dal punto di vista dell'ottimizzazione, TQM permette la visualizzazione dei parametri tecnici e dati dosimetrici relativi agli esami effettuati; questo può tradursi in un utile strumento di ottimizzazione nel caso di esami ripetuti nel corso del follow-up. Inoltre, al termine di ogni procedura radiologica, il sistema rende disponibili statistiche sulla dose erogata durante l'esame: questa viene messa a confronto con le dosi erogate in corso di altre procedure con la stessa Study Description o riguardanti lo stesso distretto corporeo. Queste informazioni, correlate con il numero di fasi richieste dal quesito clinico e con la qualità diagnostica delle immagini, permettono l’individuazione rapida di comportamenti errati e di best practice: i primi possono essere corretti attraverso l'ottimizzazione e l'audit; le seconde possono essere utilizzate in sede di formazione del personale e per il miglioramento dei protocolli. Una funzionalità interessante è quella di rendere disponibili statistiche capaci di mostrare il rispetto dei Livelli Diagnostici di Riferimento. Non meno importanti sono le valutazioni relative alla dosimetria media per tipo di esame, per apparecchiatura utilizzata, per operatore, per fascia oraria o per giorno della settimana. Queste analisi possono risultare molto utili in quanto possono mostrare vari tipi di criticità, quali l’aumento della dosimetria media durante le ore notturne (in cui il personale è chiamato in reperibilità) oppure quello causato da una non ottimale collaborazione fra radiologo e TSRM.
Le ultime novità:
  • Attrezzature medicali