Italia

L’eroe del laboratorio – Peter Schubert

16.10.2019



Ogni laboratorio di stampa professionale ha un proprio eroe che garantisce ai clienti la massima qualità possibile. Sono appassionati di fotografia ed esperti nel loro campo. A nostro avviso, questi eroi dovrebbero essere messi in luce di tanto in tanto, e quindi chiederemo ogni mese all'uno o all'altro di raccontarci la loro storia.

Questa volta abbiamo intervistato Peter Schubert, CEO di FotoCo+ GmbH, fotografo professionista eresponsabile all’interno di PixelfotoExpress della direzione strategica dell’azienda.

Chi è PixelfotoExpress?


PixelfotoExpress è stata fondata nel 2005 come laboratorio specializzato a Dresda a cui si affidano, in tutta Europa, fotografi professionisti e clienti finali con elevate esigenze qualitative. La filosofia dell'azienda è sempre stata quella di orientarsi, attraverso il contatto diretto con il cliente, alle esigenze in continua evoluzione dei partner commerciali e di non mostrare loro alcun limite nel servizio e nel portafoglio prodotti. Ad esempio, oltre ai classici prodotti fotografici, vengono realizzati, direttamente in loco, diversi pannelli murali, alcuni dei quali sono soggetti ad un elaborato processo di produzione. Il team giovane desidera che il proprio lavoro sia posizionato il più lontano possibile dal mercato fotografico di massa e quindi si concentra interamente sull'individualità dei suoi clienti. Pertanto PixelfotoExpress offre la possibilità di scegliere tra tutti i supporti cartacei Fujifilm disponibili. L'azienda è sempre uno dei primi laboratori fotografici in Europa ad aggiungere nuove tipologie di carte alla sua già vasta gamma di prodotti. Quando la nuova Pearl Metallic è stata lanciata nel 2007, è stata proprio questa strategia che ha portato ad un notevole aumento della consapevolezza nella nsotra clientela. Ed è per questo che PixelfotoExpress rimane fedele ai suoi valori. Lo stesso dicasi per la promessa di una consegna rapida di prodotti fotografici di elevata qualità. Dopo tutto, il fatto che la consegna sia particolarmente rapida in un momento storico in cui tutto è sempre molto veloce è incluso nel nome dell'azienda.

Chi è Peter Schubert?


Sono l'amministratore delegato di FotoCo+ GmbH e fotografo professionista dal 1989. Con il marchio PixelfotoExpress mi preoccupo in particolare dell'orientamento strategico dell'azienda da un lato, ma dall’altro mi stanno particolarmente a cuore anche gli interessi dei miei dipendenti. Per me, un buon contatto con il team è fondamentale per la realizzazione degli obiettivi economici aziendali. Solo se siamo tutti concordi con la nostra filosofia aziendale possiamo fornire prodotti validi. Oltre al mio lavoro di CEO, la fotografia è sempre stata la mia occupazione principale. Questo mi aiuta molto a capire i desideri dei nostri clienti e a prendere decisioni innovative per l'azienda

Formazione professionale


Poco dopo la mia formazione come fotografo e fotografo professionista mi è stato chiaro che desideravo essere professionalmente indipendente. Per prima cosa ho rilevato un piccolo studio fotografico nel centro della città nel 1988. Anche allora volevo offrire ai miei clienti qualcosa di più di un semplice servizio di fotoritratti e fototessere. Grazie alla riunificazione della Germania e alle nuove possibilità tecniche, l'offerta di servizi di FOTO Schubert di Dresda si è progressivamente ampliata. Oltre al fotoritratto, alla fotografia pubblicitaria e industriale, dove ho lavorato anche per grandi aziende, ho potuto perseguire un sogno a lungo atteso e affermarmi nel campo della fotografia aerea. La licenza di pilota per ultraleggeri ed elicotteri è stata seguita dalla licenza di pilota di pallone aerostatico. Oggi siamo probabilmente l'unico laboratorio fotografico al mondo a gestire una mongolfiera, che utilizziamo non solo per scopi pubblicitari, ma anche per aprire nuove fantastiche prospettive per i nostri clienti, amici e partner commerciali durante un viaggio attraverso la famosa metropoli sull’Elba.

Da cosa ha tratto l’ispirazione per entrare nel settore della stampa fotografica digitale?


Durante il mio lavoro come fotografo ho sempre avuto problemi nel trovare laboratori fotografici che potessero convincere con una buona qualità e tempi di consegna rapidi. Con l'avvento delle prime fotocamere reflex digitali all'inizio degli anni 2000, i grandi laboratori specializzati esclusivamente in fotografia analogica spesso non riuscivano a tenere il passo con i nuovi tempi. Non di rado fallivano completamente a causa dei tempi imposti dal processo di sviluppo. Nel loro cammino verso l'era della fotografia digitale, semplicemente non sono stati in grado di reagire abbastanza rapidamente ai cambiamenti. Tuttavia, poiché io stesso avevo un'ottima situazione per quanto riguardava i quantitativi in ordine, avevo urgentemente bisogno di un modo per sviluppare le foto in modo rapido e affidabile. Con l'avvento dei minilab, ho avuto improvvisamente l'opportunità di sviluppare le mie foto da solo. La crescente facilità d'uso e gli ottimi risultati hanno aperto le porte all'era digitale, almeno per me. Divenne subito chiaro che Fujifilm era tecnicamente all'avanguardia e così iniziai presto ad esporre le prime foto scattate con la LP-570. A proposito, è proprio questa prima macchina con diversi milioni di stampe che ancora oggi uso quotidianamente. Per me, inoltre, conferma che gli investimenti fatti 15 anni fa hanno dato i loro frutti. Dopo che l'azienda ha confermato che la tecnologia è solida e la qualità delle foto soddisfa i requisiti molto più di quanto inizialmente previsto, il passo logico successivo è stato quello di creare un laboratorio tutto nostro.

Passione per le immagini


La sfida è garantire sempre la migliore qualità dell'immagine. Se vuoi raggiungere un buon risultato, devi metterci dentro cuore e anima. Ed è esattamente questo quello che io fortunatamente non ho mai perso, perché la fotografia oggi per me ha ancora un valore molto personale. I dati nel Cloud possono andare persi senza che si possa fare nulla al riguardo. Chi non ha mai perso dati digitali? Le foto che si possono toccare con mano sono invece qualcosa che resta per l'eternità.

Come pensa che la digitalizzazione abbia influenzato il business della stampa fotografica?


Quasi tutti oggi fotografano molto, non solo nel mondo occidentale. Però, la maggior parte delle foto probabilmente viene scattata con uno smartphone. Spesso si tratta solo di istantanee o di selfie, ovviamente. Ma la digitalizzazione ha anche permesso a molte persone di scattare foto di altissimo livello. Oggi ci sono più immagini che mai. Quasi tutti coloro che hanno una macchina fotografica hanno provato a scattare foto artistiche. Forse più o meno inconsciamente. Ma la stessa arte ha aspetti molteplici. E allo stesso modo esistono fotografi amatoriali in grado di scattare spettacolari foto di paesaggi. Le immagini più incredibili sono spesso scattate da persone senza una vera e propria formazione come fotografo. Ci sono molti talenti che nemmeno un professionista può eguagliare. E questa è naturalmente una grande opportunità per noi come laboratorio fotografico. Molti appassionati ordinano calendari fotografici o pannelli murali molto professionali dei loro soggetti preferiti. Regalano le loro foto a familiari, amici e conoscenti. A volte fanno anche mostre o vendono le proprie opere su piccola scala. Per i fotografi questo significa naturalmente un nuovo tipo di concorrenza e sono stati costretti a riconsiderare come vogliono continuare a convincere come professionisti anche in futuro. Purtroppo, molti cercano di farlo svendendo i propri lavori il che può comportare qualche frustrazione. Altri possono perdere la motivazione e continuare semplicemente a lavorare. Dal mio punto di vista è importante riscoprire continuamente il mio amore per la fotografia. La qualità attraverso la dedizione è la chiave e la qualità ha anche il suo prezzo. Se questa consapevolezza è presente nel fotografo, riesce anche comunicarla meglio ai suoi clienti e avere successo nonostante le nuove sfide.

Cosa Le piace di più delle carte Fuji?


Dalla fondazione di PixelfotoExpress, abbiamo sperimentato una qualità costantemente elevata delle carte Fujifilm. Finora non abbiamo avuto alcun problema nella fluttuazione della qualità. Una qualità scadente rischierebbe di danneggiare seriamente la reputazione del marchio. Siamo quindi molto felici di aver avuto solo esperienze positive con le carte Fujifilm. Riteniamo inoltre che sia fantastico che la gamma di prodotti sia in costante sviluppo e che ci siano così tante possibilità di mettere l'immagine in primo piano con la carta fotografica. Ciò avviene, ad esempio, con la finitura come pannelli murali, con la laminazione fotografica su acrilico, e non finisce con le ultime tendenze, alcune delle quali rappresentano anche una ritorno di epoche precedenti, come la popolarissima stampa retrò.

Qual è la carta fotografica originale Fujifilm che preferisce, se ne ha una?


Pearl è ancora la mia carta fotografica preferita da quando è stata lanciata nel 2007. Con quel particolare luccichio metallico fa brillare vivacemente i colori, questa cosa colpisce molto. Ma anche la nuova carta fotografica Velvet è un prodotto sempre più richiesto. Non solo dai nostri clienti, ma anche da me. È completamente diverso dalle altre carte permette di essere creativi e di sperimentare nuove idee. Ha una superficie molto opaca che riproduce i valori tonali in un modo insolito e non facile da descrivere. Sia il piccolo fotografo amatoriale che il grande artista fotografico dovrebbero provare almeno una volta la carta fotografica Velvet.

Come vede il futuro dell’attività di stampa professionale?


La fotografia non ha perso ad oggi assolutamente nulla del suo significato, anche se molti avevano previsto proprio questo. Negli ultimi anni, il mercato ha subito alcuni grandi sconvolgimenti e c'è ancora molto movimento. Le nuove tecnologie, Internet e la digitalizzazione hanno rimescolato le carte completamente. All'inizio di questo cambiamento c'è stato un grande boom nella vendita di fotocamere reflex digitali. Questa situazione sta cambiando già da un po’. Oggi non si compra più ogni nuovo modello. Tuttavia, la gente continua a fotografare e non lo fa di meno. Semplicemente le modalità stanno cambiando leggermente. In futuro sarà fondamentale essere in grado di reagire alle nuove sfide. Abbiamo già sviluppato alcune idee in tal senso e stiamo già iniziando a metterle in pratica. Però, in questo momento non posso rivelare troppo in proposito. Va detto, tuttavia, che anche il fotografo si trova ad affrontare diverse sfide e molti professionisti devono ancora fare molto in tal senso. In ogni caso, affidarsi alla qualità è la strada giusta da seguire. Sia per il fotografo che per noi.

Che consiglio darebbe ai futuri fotografi?


Ci sono molti fotografi che dedicano molto tempo a modificare le loro immagini e spesso hanno molto successo. Molti giovani fotografi prendono sul serio anche la pianificazione preventiva di uno shooting. E questo è fantastico. D'altra parte, però, ci sono fotografi che lavorano ancora con lo stile degli anni '80 e '90. Purtroppo, pochissimi hanno una conoscenza di base anche appena rudimentale della gestione del colore. Alcuni preferiscono modificare le immagini sui computer portatili in giardino piuttosto che su un monitor adeguato in condizioni di illuminazione normale. Si può avere successo solo ci si mette sempre il cuore a cuore e si cerca di fare un lavoro in modo professionale. Anche quando a volte u tempi si fanno più difficili. È proprio allora che è importante trovare nuove motivazioni, preparasi ulteriormente professionalmente, imparare cose nuove, in ogni caso non fermarsi mai. I clienti sentono esattamente se il fuoco della passione arde quando il fotografo fa il suo lavoro o meno. Quando il fotografo smette di avere passione, di solito non ci vuole molto tempo perché anche il suo fatturato rispecchi questa carenza. Pertanto, la mia raccomandazione è di non perdere mai il coraggio e lavorare costantemente su se stessi.

Le ultime novità:
  • Business Products
  • Stampe fotografiche
  • Original Photo Papers